proibizionismo della cannabis

L’era del Proibizionismo

Come e quando il Proibizionismo della Cannabis prese piede

Alla fine dell’ottocento in alcune aree del mondo si notano mutamenti di clima generale intorno alla Cannabis.

Nel 1879 l’Egitto ne vieta la coltivazione, a seguire la Grecia 1890 perché apparentemente la Cannabis è causa di pazzia. I bollettini della Commissione della Sanità pubblica di New Orleans scrivono ripetutamente che:  la Marijuana è la più pericolosa sostanza mai apparsa nella zona,  i sui effetti nefasti possono trasformare in neri e cattivi i buoni uomini bianchi.

Invece, in controtendenza, il Military Investigation Commitee del Canale di Panama pubblica due rapporti 1925-31 dove si legge che: “la Marijuana non costituisce nessun problema per soldati e civili della zona, e quindi non rende necessario alcun provvedimento restrittivo”.

In Italia, negli anni 1930, il regime fascista di Benito Mussolini punta le sue baionette contro i poco virili stupefacenti. L’ Hashish e definito “nemico della razza.. droga da negri”.

Nel 1931 viene dato alle stampe un libro di Giovanni Allevi, studiato dai laureandi in medicina negli anni della guerra, dal titolo, Gli Stupefacenti, contrabbando e traffici clandestini, tossicomanie e difesa della razza.

Nel 1960, i casi giudiziari connessi alla Cannabis discussi nei tribunali tribunali toccano quota 169. L’anno seguente l’ONU, sotto l’evidente pressione delle autorità USA, la classifica come “stupefacente”, imponendo cosi ai 65 stati aderenti l’eliminazione totale della piantagione della Cannabis entro il 1986: data di nascita del PROIBIZIONISMO (Single Convention Drug Act). Di conseguenza, i paesi occidentali iniziano a promulgare norme restrittive nei confronti Cannabis e derivati.

Nel frattempo nei diversi paesi si acquisiscono dei dati importanti, tra cui: l’abuso di alcool uccide 75.000 persone l’anno, quello di medicinali 100.000 e la Marijuana zero. I cittadini arrestati per droga 1,64 milioni  l’anno sono un costo elevatissimo per le casse dei governi.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.